Avanscoperta
Applied Functional Programming Workshop

Applied Functional Programming Workshop

Using pure functional programming techniques to solve real-world problems

«Functional Programming is just programming with functions.
Functions are: Total, Deterministic and Pure. The rest is just composition you can learn over time.»

John De Goes

Abstract del corso

Il corso Applied Functional Programming è strutturato per mettere in pratica la programmazione funzionale e si rivolge a chi ha già assaporato questo paradigma e vuole fare un salto in avanti nella sua adozione.

Attraverso molteplici sessioni di coding impareremo ad utilizzare le teorie matematiche per costruire le giuste astrazioni, tra cui le famose Monadi.

Obiettivi del corso: applicare a partire dal “giorno dopo” il pure functional programming, e immagazzinare abbastanza teoria da poter continuare il percorso di studio senza ostacoli. 

Argomenti

Gli ingredienti per raggiungere il nostro scopo sono:

  • capire l’impatto derivante dal lavorare con la referential transparency
  • comprendere la differenza fra effect e side-effect
  • progettare sistemi come small composable units
  • esprimere vincoli e interazioni tramite il type system
  • modellare comportamenti e dati del dominio tramite modules, functions e algebraic data types
  • utilizzare composability per assemblare grandi sistemi
  • modularizzare le responsabilità tramite type classes
  • ottenere una conoscenza approfondita delle principali functional structures: Functor, Applicative, Monad, Foldable e Traversable
  • scegliere la giusta Monad per il problema corrente: Reader, Writer, State, ecc.
  • come sopravvivere in un mondo colmo di side-effects.

Agenda

1° giorno – Refactoring di un’applicazione:

  • capiamo come i diversi layer applicativi si incontrano con la pure fp.
  • utilizziamo vari tipi di Monadi (effect vs side-effect)
  • gestire il Monad stack.

2° giorno – Design di librerie (Functional Design):

  • shape delle API
  • comporre funzioni e strutture eterogenee
  • usare le firme delle funzioni per guidare il design.

3° giorno – Approfondire le strutture funzionale:

  • da Functor a Traverse passando per Monoid
  • una monade per ogni occasione
  • MTL e Type classes.

Perché partecipare

Con questo workshop potrai andare a fondo sui principi base e potrai vivere in maniera diretta l’esperienza di sviluppo software della programmazione funzionale.
Matteo ti darà gli strumenti per farti valutare in maniera più oggettiva i pro e contro di questo stile di programmazione: a te poi la decisione finale sul fare o meno il salto! 

Expect to get your hands dirty

La parola chiave di questo workshop è “pratica”: i momenti di teoria saranno pochi, ma essenziali.
Diciamo
30% teoria e 70% pratica.

Metaforicamente parlando, non verrà utilizzato un approccio “a catalogo” dove prima dobbiamo imparare tutti i mattoncini e solo alla fine possiamo provare a costruire la casa.
Piuttosto
partiamo dal costruire la casa e usiamo le difficoltà come leva per introdurre e approfondire i vari mattoncini.

Tecnologia

Useremo Scala come linguaggio di programmazione.

Scala non è un linguaggio che nasce con l’obiettivo di essere pure functional ma la versatilità del suo type-system e il fatto che gira su JVM hanno fatto sì che una vasta community di sviluppatori spingesse il linguaggio in questa direzione.

Inoltre, la natura ibrida di Scala ci permetterà l’introduzione graduale dei concetti.

Per partecipare a questo corso è richiesta, quindi, una conoscenza base di Scala.
Verrà data per scontata la conoscenza di:

  • l’uso di classi, oggetti e traits
  • l’uso di metodi, funzioni, valori e variabili
  • l’uso di strutture dati come: Seq, List, Map, ecc.
  • l’uso di companion object, implicit parameters e uniform access principle.

Se non conosci Scala, il miglior modo per prepararti è:

Target audience

Sviluppatori e sviluppatrici professionisti con un livello di esperienza medio/alto con linguaggi main stream come Java/C#/JavaScript già entrati in contatto con il mondo funzionale (per esempio high-order functions, Option/Stream type, list comprehension combinators).

Durante il workshop faremo largo uso di concetti considerati advanced nei tipici linguaggi di programmazione (per esempio generics e subtype polymorphism) rendendolo non adatto a programmatori alle prime esperienze.

F.A.Q.

Laptop e Strumenti: Devo portare il mio laptop?
Sì, è necessario che porti il tuo computer per questo workshop.

Prerequisiti: Quali sono i requisiti minimi per partecipare a questo corso? Cosa devo installare prima del corso?
Devi conoscere Scala. Nel paragrafo Tecnologia sono presenti varie informazioni per colmare questo gap.

Il workshop prevede che le esercitazioni avvengano sul tuo portatile, quindi avrai bisogno di avere un laptop con installato:

  • Java JDK versione 8/9
  • Scala, una versione della serie 2.12.x (https://www.scala-lang.org/download/)
  • SBT,  una versione della serie 1.x (https://www.scala-sbt.org/download.html)
  • un IDE, IntelliJ (anche community edition) oppure un editor come Sublime, Visual Studio Code, Vim o Emacs.

Livello del workshop: È un workshop per principianti o per esperti?
L’ago della bilancia pende verso programmatori e programmatrici di livello medio/esperto.
Bisogna avere un buon livello di conoscenza del linguaggio e di concetti dell’OOP come per esempio polimorfismo, interfacce ed ereditarietà ed un livello introduttivo di Scala.

Io programmo in Java/Kotlin/C#/JavaScript/ecc, come mi puòò essere utile questo workshop?
Ad oggi non crediamo esista un linguaggio che non abbia costrutti della programmazione funzionale.
Basta avere first-class functions oppure costrutti come Future/Promises per essere già mani e piedi dentro al paradigma funzionale.
Partecipando a questo workshop ti porterai a casa un’approfondita conoscenza su molteplici concetti ortogonali al linguaggio e che potrai sfruttare immediatamente nel tuo attuale stack applicativo.
Ricordati però che è necessario avere una conoscenza base di Scala per poter partecipare (Vedi il paragrafo Tecnologia).

Vuoi saperne di più sui nostri biglietti?

Biglietti

Under_Cover_LearnerSCONTO 20%

Se ti stai iscrivendo al corso a titolo personale e non hai la Partita IVA, c’è una tariffa speciale per te: uno sconto del 20% sul prezzo corrente del biglietto

Come? Inserisci il codice Under_Cover_Learner nel campo "Immetti codice promozionale" di Eventbrite.

Note: lo sconto non è cumulabile con altri codici sconto.

Matteo Baglini

Da sempre focalizzato su semplicità e costo del cambiamento in modo da creare codebase che si adattano facilmente alla continua evoluzione del business.

Matteo ha maturato esperienza in molteplici domini ed ambienti tecnologici (web, desktop, embedded, mobile), con una forte attenzione a clean code, design evolutivo ed architettura.

La curiosità ed un costante desiderio di migliorare lo hanno portato a compiere un lungo viaggio fatto di studio e pratica alla scoperta di modi migliori di sviluppare software.

Info

Lingua: il corso si terrà in italiano.
Orari: dalle 9.30 alle 17.30 in tutte le 3 giornate.
Laptop: il workshop prevede esercitazioni pratiche sul tuo portatile. Consulta la sezione “Cosa devo fare prima del workshop”.
Dress code: informale
Compreso nel prezzo: nel prezzo del biglietto sono compresi i coffee break e i pranzi insieme al docente e agli altri corsisti. Perché anche il networking è importante! :)

Come raggiungere la venue del corso

Il corso si terrà presso l’Istituto Piero Pirelli, in viale Fulvio Testi 223 a Milano.
Trovi tutte le informazioni su come raggiungere l’Istituto e dove alloggiare alla pagina Venue Istituto Pirelli.

N.B.

Il corso sarà confermato solo al raggiungimento del numero minimo di partecipanti. Invieremo una comunicazione con la conferma del corso agli iscritti al più tardi tre settimane prima del corso.

Dubbi, domande? Scriveteci: info@avanscoperta.it

Istituto Piero Pirelli - Come arrivare ed Info

Approfondimenti

Video

Onion Architecture with Functional Programming sauce, talk di Matteo Baglini a Bologna.

Refactoring Legacy Code, intervista a Matteo Baglini con Alberto Brandolini.

Articoli

Come e perché riprendere il controllo di Legacy Code, sul nostro blog.

Hai domande su questo workshop?
newsletter

Vuoi leggerci il venerdì mattina insieme al primo caffè della giornata?

Iscriviti alla newsletter

Subscribe!